Il Frantoio

CHECK-IN
CHECK-OUT
Adulti
Bambini 3-10 anni
Bambini 0-2 anni

Il Salento sconosciuto

Esiste un Salento nascosto, un Salento sotterraneo, fatto di monumenti nascosti costruiti dall’uomo nell’antichità.

È il mondo dei frantoi ipogei: poco conosciuti, difficili da trovare, ma spesso di una bellezza sconvolgente. Scavati nella roccia, sono i luoghi custodi della cultura contadina del passato, dove
si lavoravano le olive per trasformarle in olio, ogni anno da novembre a maggio.

Sotto la guida del “Nachiro”, i “trappitari” si occupavano del processo di produzione. Saremo lieti di raccontarvi il mondo dei frantoi ipogei, in particolare di quello del Mulino a Vento,
con tutti gli aneddoti e le leggende che riguardano questo particolare mondo sommerso.



“Trappito” Mulino a Vento

Il frantoio ipogeo a grotta Mulino a Vento si trova sull’antica direttrice che congiungeva il paese di Cerfignano a Otranto
e risale al XVI secolo: ha un ampio spazio circolare centrale, attorno al quale si sviluppano i diversi ambienti ognuno con una propria funzione, con torchi, vasche, blocchi di pietra e macina.

L’olio veniva prodotto grazie alla macinatura delle olive effettuata con le pietre molari, fatte girare da un asino. Il nome è legato allo sfruttamento di pale azionate dal vento utilizzate in aiuto all’asino nella molitura delle olive.

Dal 2008 è stato dotato di quelle caratteristiche
di “spettacolarizzazione”, che coinvolgono i visitatori attraverso strumentazioni visive, sonore  e luminose, come il cortometraggio “Dei nachiri e dei mercanti” realizzato dai registi Edoardo Winspeare e Corrado Punzi.

La Leggenda delle Striare

“A sutta ll’acqua e a sutta u jentu … A sutta u noce de mulinu a jentu” Chiunque percorreva la strada di notte, veniva costretto dalle “strìare” (le streghe) a ballare sino allo sfinimento e a cantare con loro: “balla balla niri e balla forte, ci scappi de sta danza nu ttorni cchiui de notte!”

Dei Nachiri e dei mercanti

La visita guidata al frantoio ipogeo Mulino a Vento, esperienza affascinante alla scoperta del mondo sommerso della produzione e del commercio dell’olio dal 1500 al 1800.

Vivi il salento

Scopri le altre esperienze